Viaggi

Parigi, la città degli innamorati e della cultura

La capitale della Francia, Parigi, sulla Senna, è senza dubbio la città dell’amore e della cultura….

Parigi è da sempre una delle mete turistiche più ambite a livello mondiale ed è considerata tra le città più belle e romantiche del pianeta. Capitale della Francia e città ricchissima di cultura, arte, stile e romanticismo, offre al visitatore contesti unici e non è semplice selezionare i luoghi d’interesse più importanti. A seconda del tempo che si ha a disposizione per scoprirla e dei gusti del viaggiatore, ci sono dei “must” assolutamente imperdibili e, allo stesso tempo, può essere una meta in cui tornare più volte e scoprire posti originali e insoliti, sempre nuovi ed emozionanti.

Se ci sono simboli di fama mondiale, come la Torre Eiffel, l’Arco di Trionfo, il Louvre o gli Champs-Elysées, la Ville Lumière contiene anche molte altre attrazioni interessanti, come le Catacombe, la Promenade Plantée, i suoi musei, o i dintorni, come Versailles, il Mont St. Michel, i Castelli della Loira e, perfino, il parco di Eurodisneyland.

Da non perdere a Parigi la cattedrale di Notre Dame

Per avere un’idea del centro della capitale francese, una delle tappe da non mancare è la cattedrale di Notre Dame, l’elegante e misteriosa signora di Parigi: questa rappresenta il centro della Francia perché dal sagrato antistante l’ingresso parte il Punto Zero, ovvero il punto da cui vengono calcolate tutte le distanze stradali della Francia. La bellissima cattedrale gotica conserva alcune delle reliquie più importanti della cristianità e il mantello dell’incoronazione di Napoleone I. Nessun’altra costruzione si lega alla storia di Parigi come Notre-Dame: essa si erge maestosamente sull’Ile de la Cité, culla della città, dove prima c’era un tempio romano. Papa Alessandro III pose la prima pietra nel 1163, dando inizio a 170 anni di lavori da parte di schiere di architetti gotici e di artigiani medievali. Da allora molte famose personalità sono passate sotto i tre portali e le imponenti torri di questo capolavoro gotico. Anche se nei mesi scorsi è stata devastata da un incendio resta una meta da non perdere durante la visita della capitale francese.

Gli altri luoghi da visitare a Parigi

Attraversando la Senna si arriva al quartiere Latino, dove c’è l’università La Sorbona insieme a tanti caffè, gallerie d’arte e boutique eleganti. Questa zona dall’atmosfera spiccatamente francese è molto “effervescente” grazie ai locali straripanti di professori e studenti in cerca di relax.

Altro luogo imperdibile è il Museo del Louvre: edificio imponente, con la famosa Piramide di vetro nell’atrio esterno, ricavato in metà di quello che era il palazzo reale, definito “il più bel museo del mondo nel più bel palazzo del mondo”. Contiene collezioni di quadri, sculture e tesori d’arte, di mobili e suppellettili: un capolavoro fra tanti è la celeberrima Gioconda di Leonardo da Vinci. Sono diversi i musei importanti di Parigi: tra i più famosi ci sono il Museo D’Orsay, il Museo Nazionale Picasso, il Museo de Cluny e il Centro d’arte e cultura Georges Pompidou.

Una delle mete preferite dai turisti è la Torre Eiffel: con i suoi 6 milioni di visitatori all’anno, è il monumento più frequentato del mondo. Respinta, criticata e poi finalmente amata, è divenuta il simbolo di Parigi. È un’enorme costruzione di ferro, eretta nel 1889 in occasione dell’Esposizione universale, è alta 307 metri, composta da oltre 15.000 travi d’acciaio e tenuta assieme da due milioni e mezzo di bulloni. Dalla piattaforma sommitale si può godere di una vista superba, che consente di spaziare fino a 70 chilometri di distanza. La miglior postazione per osservare la Tour Eiffel, però, è il Trocadero.

Un tour di Parigi passa anche attraverso Montmartre, uno dei posti più romantici della città, quello che nel 1800 era il quartiere maledetto e irriverente, dove si recavano artisti squattrinati in cerca di fortuna e borghesi in cerca di divertimento, una città nella città, la collina che ha visto scorrere le vite di Picasso, Van Gogh e Modigliani. Oggi Montmartre è molto cambiata, ma conserva un fascino particolare e da vivere. A dominare la collina è la Basilica del Sacro Cuore, una delle più visitate di Parigi, non solo per l’architettura e la storia che custodisce, ma anche per il panorama spettacolare che da qui si può ammirare.

Tra le tappe più gettonate della capitale della Francia ci sono anche l’Arco di Trionfo e gli Champs Elysèes. Il primo fu eretto da Napoleone Bonaparte in onore delle sue vittorie militari ed è una versione neoclassica degli antichi archi di trionfo dell’Impero Romano: l’Imperatore non passò mai sotto quest’arco perché ci vollero 30 anni per costruirlo, ma lo attraversarono le sue ceneri portate a Les Invalides. L’arco ha visto, però, molti altri avvenimenti storici della Francia e, al suo interno, custodisce un piccolo museo. Da qui partono anche gli Champs Élysées, lunghi 1910 metri e larghi 88, conosciuti come la più sontuosa strada di Parigi. In origine erano dei semplici campi, fin quando la regina Maria Antonietta non volle far costruire un lungo viale alberato che trasformò i Campi Elisi nella strada più alla moda della città. Oggi circa 500.000 persone al giorno passano di qui, tra alberghi e negozi di lusso, bar per turisti, maxi-cinema, teatri, boutique d’alta moda, fast food e sedi di multinazionali. Sono la zona più cosmopolita e “meno francese” della città, ma molto amata dai parigini, che in questo luogo festeggiano tutti i grandi avvenimenti di Parigi. Da qui si può raggiungere Place de la Concorde, la più grande di Parigi, al cui centro c’è un obelisco egiziano, vecchio di 3300 anni, donato al re di Francia nel XIX secolo, e luogo in cui la ghigliottina dei rivoluzionari fece cadere la testa di Maria Antonietta, Luigi XVI, Robespierre e Danton e migliaia di altri parigini.

Molto noto è anche il quartiere di Marais, uno dei più antichi e alla moda della città, celebre per la vita notturna, i musei, le gallerie d’arte e i siti storici. Si presenta come un delizioso labirinto di stradine medievali, piene di botteghe, showroom, negozi e locali di tendenza e uno dei quartieri più interessanti e innovativi.

Una meta particolare è il cimitero di Père Lachaise, il più grande di Parigi: contiene le tombe di Jim Morrison, Oscar Wilde, Maria Callas, Marcel Proust, Chopin e tanti altri personaggi storici e famosi e quasi due milioni di persone visitano ogni anno questo cimitero labirintico, dotato di 5 entrate. Al Pantheon, invece, sono sepolti i grandi della storia francese come Voltaire, Hugo e Rousseau.

Da vedere anche l’Hotel des Invalides, uno dei più prestigiosi monumenti di Parigi. Fondato da Luigi XIV per ricoverare i feriti e i veterani del suo esercito, è un enorme complesso che raccoglie al suo interno la tomba di Napoleone, la chiesa di Saint Louis e alcuni musei. E, ancora, la meravigliosa Sainte-Chapelle, l’espressione più autorevole dell’architettura gotica e la più importante testimonianza dell’arte vetraria del XIII secolo.

Una crociera lungo la Senna al tramonto è un’esperienza piena di magia: il giro in battello, sui famosi Bateaux-Mouche, è un modo di ammirare la città e i suoi monumenti, partendo dalla Tour Eiffel fino all’Île St. Louis.

Romanticismo a Parigi, ma anche tanta vitalità. Montparnasse è il quartiere diventato, dopo la prima guerra mondiale, il centro artistico e intellettuale della capitale, frequentato da Picasso, Mirò, Cocteau, Ernest Hemingway, Jean-Paul Sartre, ecc. Qui si trovano le Catacombe di Parigi, un importante cimitero e la Tour Montparnasse, il grattacielo più alto della città.

Gli eventi di Parigi e la sua famosa Maratona

Naturalmente non si esauriscono qui l’immenso patrimonio artistico e culturale di Parigi e gli infiniti modi di vivere la Ville Lumière. Un’occasione per visitarla è la famosa Maratona di Parigi, una delle gare più belle e più amate d’Europa e una delle 5 maratone più grandi del mondo. La manifestazione si svolge proprio nel cuore della suggestiva capitale francese e il suo spettacolare percorso di gara permette di ammirare le principali attrazioni della città. Il nastro di partenza è all’Arco di Trionfo ed il percorso di 42,195 km passa davanti ai monumenti più conosciuti.

Tags

Related Articles

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: