Viaggi

Berlino, la più grande città della Germania

Berlino è una meta turistica molto ambita…

Berlino è la più grande città della Germania e la capitale della Repubblica Federale tedesca, è sede del suo governo ed è un Bundesland, una “città-stato”. È uno dei più importanti centri politici, culturali, scientifici, fieristici e mediatici d’Europa e il comune più popoloso dell’Unione europea, con i suoi oltre 3.769.000 abitanti. Questa città ha una lunga storia e si trova nella parte orientale della Germania, a 70 km dal confine con la Polonia, sulle rive della Sprea, in un’ampia valle.

La storia della città di Berlino

La città nacque, probabilmente, nel XII secolo come borgo commerciale di origine slava e, originariamente, c’erano due distinte città, Berlino ad est del fiume e Cölln sull’isola nel fiume. Nei secoli successivi acquistò sempre più importanza e nel 1920 vennero inglobati diversi comuni e città circostanti che crearono la “Grande Berlino”.

Durante la seconda guerra mondiale, la capitale tedesca fu uno degli obiettivi principali dei bombardamenti e, alla fine della guerra, la città fu divisa in quattro zone d’occupazione e in due parti concorrenti: i tre settori occidentali (Berlino Ovest) e quello sovietico (Berlino Est). Quest’ultimo divenne capitale della Repubblica Democratica Tedesca, mentre Berlino Ovest fu un’exclave della Repubblica Federale e del mondo occidentale.

Dopo il tentativo sovietico, nel 1958, di annettere Berlino Ovest alla Repubblica Democratica Tedesca, il governo della Germania Est nel 1961 ottiene da Mosca il permesso di innalzare il Muro di Berlino per fermare la fuga dei propri cittadini in occidente. La “caduta del Muro” nel 1989 rese possibile la riunificazione tedesca, con la quale la città tornò ad essere la capitale della Germania unita.

Berlino, meta turistica molto ambita

Berlino è una meta turistica molto ambita, ma conserva una certa economicità rispetto ad altre metropoli d’Europa e non. La capitale tedesca ha diversi volti: è elegante, alternativa, colta, multietnica, dinamica, moderna. La ricca Berlino della finanza, movimentata e ben vestita, convive con la Berlino della storia e dell’arte, con i suoi prestigiosi musei e un grande fermento culturale, con la Berlino alternativa, che reinventa gli spazi urbani e crea centri sociali e club di tendenza in ex fabbriche e aree degradate, con la Berlino multiculturale.

Il clima è di tipo continentale, con inverni freddi, estati calde e piogge frequenti. È possibile visitare questa città tutto l’anno grazie alla molteplicità di attrazioni che offre all’aperto e al coperto. Se i periodi migliori per conoscerla sono la primavera e l’estate, l’entusiasmo e la vita movimentata di Berlino conquistano il visitatore in qualunque stagione. Anche d’inverno, quando è molto probabile trovare la neve, la capitale ha un fascino tutto suo e, nel mese di dicembre, la città esercita un forte richiamo grazie alla magia dei suoi mercatini di Natale.

Cosa vedere a Berlino

Berlino è molto grande e ha attrazioni turistiche sparse in diversi quartieri. Se il tempo a disposizione non è abbastanza per una visita approfondita, è possibile comunque cogliere l’essenza della capitale tedesca scegliendo alcuni dei suoi luoghi più significativi.

In cima alla lista dei simboli della città c’è la Porta di Brandeburgo: ai tempi della Guerra Fredda era l’emblema della divisione delle due Germanie; dopo la caduta del Muro, diviene la rappresentazione della Germania unita. Il monumento neoclassico, alto 26 metri, si trova alla fine di un elegante viale della città, che la attraversa, passando accanto ad alcune delle sue più famose attrazioni. Dall’altro lato della Porta di Brandeburgo c’è il polmone verde della città, il Tiergarten: sentieri, laghetti, ruscelli, prati danno l’impressione di trovarsi in un luogo lontano dal caos e dal traffico della metropoli. Un lungo viale passa attraverso quest’area a conduce fino alla Colonna della Vittoria, dalla cui cima, raggiungibile dopo 285 gradini all’interno del monumento, si può ammirare uno splendido panorama della città.

Tra i luoghi più importanti, nelle immediate vicinanze della Porta di Brandeburgo, c’è il Memoriale dell’Olocausto, l’impressionante monumento commemorativo dedicato agli ebrei d’Europa vittime della Shoah, costituito da 2711 blocchi di cemento rettangolari, tra i quali camminare e che destano grande partecipazione emotiva. A pochi passi c’è l’edificio del Reichstag, sede del Parlamento Federale Tedesco dal 1999, che merita attenzione anche per la sua cupola in vetro, raggiungibile con un’ascensore, che permette di ammirare Berlino a 360°.

Il muro di Berlino

Il muro di Berlino, eretto nel 1961 per evitare la migrazione, nella parte ovest della città, dei berlinesi che volevano sfuggire al regime sovietico, è oggi un luogo di richiamo per i visitatori della capitale tedesca. 170 km di cemento alto 10 metri dividevano il mondo in due sfere, quella americana e quella sovietica. Dopo la caduta del muro, nel 1989, sono rimasti in piedi solo alcuni tratti, fra cui uno lungo 1,3 km, che oggi è un mix di arte e storia, la East Side Gallery, una galleria all’aria aperta dove artisti da ogni parte di mondo hanno dipinto 106 murales. I più famosi sono il “Test the Best” e “Il Bacio mortale. Il muro di Berlino è divenuto un memoriale composto da un museo dedicato alle testimonianze dei berlinesi che tentarono la fuga verso ovest, un monumento alla memoria della città divisa e delle vittime della tirannia comunista e un centro visitatori. Presso il Checkpoint Charlie, unico punto di passaggio aperto dove, dal 1961 al 1990, passavano gli Alleati, i diplomatici e gli stranieri che avevano il diritto di andare da una parte all’altra di Berlino, oggi c’è un museo che ripercorre la storia dei diritti umani, una guardiola dell’esercito americano ricostruita e il cartello “State lasciando il settore americano”. Negli anni è stato utilizzato anche come set cinematografico di film di spionaggio e thriller.

Nel cuore della vecchia Berlino Est si trovano l’Alexanderplatz e la Torre della televisione, altro simbolo della città. La struttura è alta 368 metri, si può salire in vetta con un ascensore e da lì ammirare il panorama mozzafiato.

Tra il fiume Sprea e un canale di 400 metri, c’è l’Isola dei Musei, testimonianza del vecchio nucleo storico di Berlino e patrimonio mondiale dell’UNESCO. Sull’isola sono presenti cinque musei, una delle maggiori concentrazioni al mondo di cultura.

Tra le mete da visitare si annoverano anche: il Museo Ebraico di Berlino, il quartiere medievale Nikolai, il Gendarmenmarkt con la Cattedrale Francese, la cattedrale Berliner Dom e il teatro Konzerthaus, e poi, ancora, il Castello di Charlottenburg, lo Zoo di Berlino, il Duomo di Berlino, vicino all’isola dei Musei e la via dello shopping Kurfürstendamm.

Tags

Related Articles

Back to top button
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: